Post

Post in evidenza

Sarahah app per messaggi anonimi - il mio giudizio -

Immagine
Non si fa che parlare di lei, di Sarahah. Chi è Sarahah? Non è una giovane fanciulla dal nome esotico, ma una app. una nuova app che permette di registrarsi e mandare messaggi anonimi. Sarahah in arabo vuol dire schiettezza, apertura, onestà.
Confesso che appena ne ho sentito parlare, anzi ne ho letto su Twitter - che è sempre il veicolo più veloce per conoscere le cose - ho pensato che fosse una cosa assurda, naturalmente prima di dare dei giudizi su qualcosa o qualcuno mi piace verificare di persona, così ho scaricato l'app e mi sono registrata per vedere di che cosa si trattava. Confesso di essermi registrata soprattutto per bloccare il mio nick che utilizzo ormai da anni su tutti i social (azzetazeta) ed evitare che qualcuno lo prendesse al mio posto.
Ho letto qualcosa in rete su questa app. che risulta creata dal 29enne saudita Zain al-Abidin Tawfiq e che in poco tempo ha collezionato oltre 20 milioni di utenti. Il motivo per cui questa app è nata, o almeno così è stato dich…

Letargo estivo.

Immagine
Non ho mai amato l'estate. Mai.  Forse perché sono nata alla fine di settembre e la mia stagione è sicuramente l'autunno.  Forse perché il caldo mi toglie le forze e la voglia di fare qualunque cosa.  Sto male ancora di più quest'anno visto che il caldo sta picchiando duro come poche volte in passato.  Odio stare chiusa in casa perché fuori fa troppo caldo.  Odio sentirmi appiccicata di sudore ogni momento del giorno.  Odio sentire le gocce di sudore che cadono sul collo e sugli occhi facendoli bruciare quando sto stirando.  Odio, 5 minuti dopo la doccia, ricominciare a sudare nel fare  il minimo movimento.  Odio che il giardino - che doveva essere la vera felicità estiva - sia secco, con fiori spenti, ed erba bruciata dal sole.  Odio le zanzare (inutili insetti) che paiono accanirsi su di me con furia inaudita.  Odio che quando devo comunque uscire risalire sull'auto sia come entrare in un forno crematorio.  Sono spaventata che tutta questa siccità possa far venire meno uno dei …

Snapchat o Instagram Stories pro e contro

Immagine
Narra la verità vestita da leggenda che poiché Evan Spiegel (ventitreenne inventore di Snapchat) ha rifiutato di vendere la sua applicazione a Mark Zuckerberg nonostante una offerta da capogiro, quest'ultimo abbia deciso di creare il suo "snapchat" aggiungendo ad Instagram i video di Instagram Stories.
Innegabile realizzare quanto questa implementazione sia di fatto una copiatura di Snapchat: modalità di utilizzo e filtri compresi.
Poiché negli ultimi mesi abbiamo assistito ad una più o meno lenta migrazione da snapchat a instagram stories di alcuni profili che frequentavano Snapchat direi che, vista la tipologia di molti profili migrati, la molla principale sia che Instagram stories ha un bacino di utenza già consolidato ben verificabile e più consono alla pubblicità e al mondo dello spettacolo. In molti casi le aziende chiedono proprio l'utilizzo di tale canale per eventi.  Fra i primi profili migrati troviamo infatti Chiara Ferragni - Clio Makeup e molte altre inf…

I blackout della mente

Immagine
(Foto pixabay)
Quante cose facciamo in modo meccanico mentre la mente pensa a qualcos'altro?  Quante volte siete arrivati in un luogo consueto senza ricordare la strada percorsa perché distratti da una telefonata? Quante volte avete dimenticato accese luci, dimenticato dove avete parcheggiato la macchina, cercato la macchina nel consueto parcheggio mentre quel giorno la macchina era dal meccanico e avete preso l'autobus? Quante volte siete tornati a controllare se avevate chiuso una porta, una finestra, perché sono gesti che fate automaticamente e la mente distratta non li registra?  Quante volte avete improvvisamente dimenticato un codice o una password che magari usate quotidianamente ma che in quel momento per un assurdo blackout al posto di quel numero o codice c'è solo il vuoto?  Pensateci e rispondetevi sinceramente. 
Ora davvero qualcuno si sente di puntare il dito verso quella madre che ha dimenticato la propria figlia in auto presa da automatismi incomprensibili che hann…

Cose che ci risparmieremmo volentieri

Immagine
Ormai la notizia da mettere in evidenza in TV o sulle testate giornalistiche è la violazione di qualunque regola generale di buon senso  Solo ieri, in bella evidenza a Striscia La Notizia, Flavio Insinna  che mostra il peggio di se filmato di nascosto da una squallida persona che (probabilmente per denaro) ha venduto alla TV concorrente le infelici e volgari esternazioni del conduttore. Conduttore che non guarderemo più con gli stessi occhi anche se penso che chi l'ha filmato e "venduto" sia peggio di lui. E volevamo farci mancare le immagini tristi del ciclista Dumoulin che al Giro d'Italia, in preda ad urgenze intestinali, si ferma e scende nel campo ad evacuare immortalato dall'elicottero ed esposto a pubblico ludibrio con tanto di circolino rosso ad evidenziare la sua esatta posizione se mai fosse sfuggita ad un osservatore distratto?  Gogne mediatiche che davvero vorrei non vedere e poi ci stupiamo se a scuola i ragazzi prendono in giro il compagno che cade o m…

L'educazione non fa rumore.

Immagine
Ho constatato sempre più spesso nel quotidiano ma anche sui social che il mondo pare essere degli arroganti e di chi urla più forte. Purtroppo è l'arroganza che vince sulla visibilità e le urla si fanno sentire più di qualunque silenzio. Le persone ragionevoli, quelle che non amano disturbare, quelle che parlano con toni pacati paiono non esistere. Invece io so che sono una maggioranza silenziosa, una maggioranza che ragiona, una maggioranza che rispetta gli altri e per questo non invade il territorio altrui, non urla più forte, non infastidisce chi gli sta vicino, non crea flame nei social, non offende, non fa valere le proprie ragioni sopra ogni cosa. Vi faccio un esempio quotidiano: quante volte vi sarà capitato di avere un vicino in condominio o di casa che non vi rispetta, che fa rumore in orari in cui di solito occorrerebbe rispettare il silenzio, che ascolta la radio ad alto volume, che passa l'aspirapolvere alle 6 del mattino, che usa il phon di notte, che taglia l'…

Ancora sui vaccini

Immagine
Dopo gli ultimi provvedimenti del Governo sull'obbligo di vaccinazione dei bambini, leggo cose scritte dagli antivaccinisti che non approvo. Ho già scritto sull'argomento in passato ma una cosa voglio dirla di getto come spesso faccio. Quando ho avuto il morbillo da piccola ho avuto la febbre così alta che deliravo, ricordo ancora perfettamente le fragole del mio pigiama che si staccavano e venivano verso la mia gola per soffocarmi. A me è andata bene ma ad altri bambini no, alcuni hanno avuto problemi alla vista, all'udito o altri danni permanenti, qualcuno per una encefalite è morto. Malattie che sembrano banali come la varicella e il morbillo portano questi rischi, complicanze che possono verificarsi nel 30% dei casi. Il vaccino ha una percentuale di sicurezza del 99,98% ma davvero c'è chi ha ancora dubbi sulla scelta da effettuare? Fra l'altro le scelte dell'uno incidono sugli altri, così come chi fuma fa subire il fumo passivo agli altri, così chi non vac…

A proposito di Fedez - Ferragni

Immagine
L'hanno fatto in tanti perché dovrei esimermi dal fare un commento sulla proposta di matrimonio pubblica sul palco dell'Arena di Verona fatta da Fedez a Chiara Ferragni? Ho letto sui social numerose critiche al fatto che una cosa così "privata" come una proposta di matrimonio sia stata fatta invece in modo così pubblico e plateale. Vi dico cosa ne penso. Sono assolutamente convinta che Fedez abbia chiesto in privato a Chiara Ferragni di sposarlo, o forse l'avrà fatto lei in altro momento, in altro giorno, in altro luogo.  Come in privato vivono certamente una parte della loro vita, fanno sesso e si dicono cose. Ma il loro lavoro è stare davanti alle persone, ai fans, indossando oggetti e capi sponsorizzati. Quindi credo fosse inevitabile cercassero un luogo che desse estrema visibilità per annunciare il loro futuro matrimonio perché fa parte dei "personaggi" pubblici. La loro vita non è mai completamente privata e guadagnano proprio perché si espongono continu…

Snapchat e la disattivazione involontaria dell'account

Immagine
Mi è successa una cosa strana e imprevista due sere fa, ho disattivato involontariamente il mio profilo di Snapchat. Ero al PC loggata sul mio profilo snapchat (ci sono funzioni che sono disponibili solo al PC) e contemporaneamente in un'altra finestra avevo aperto un post di Aranzulla che avevo trovato per caso che parlava appunto di snapchat e che, fra le altre cose, riportava anche le istruzioni per disattivare l'account. Era quasi mezzanotte quindi forse ero particolarmente addormentata, ma ho cliccato involontariamente su un link che doveva portare alle pagine di snapchat dove poter anche disattivare l'account. A questo punto il problema è che mi si è aperta la finestra di Snapchat con la seguente scritta: "il tuo account è stato disattivato con successo"  senza chiedermi una ulteriore verifica, una password, un "non sono un robot" o amenità del genere che mi avrebbero fatto desistere da una cosa che non volevo ovviamente fare. Non so perchè è succ…

A volte ritornano, storie di destini incrociati.

Immagine
La foto rovinata e tenuta a lungo nel cassetto non rende l'idea, una cattiva luce non ci rende onore ma eravamo giovani, molto giovani. Incontrati per caso, amici di amici, in una famosa caccia al tesoro che si teneva a Parma ogni anno il 1° maggio. La caccia al Tesoro di Frontiera 70. 40 anni fa. Un colpo di fulmine per me. Una breve storia di incontri ma eravamo forse troppo giovani, lui soprattutto voleva ancora divertirsi, ancora non pensare ad impegni e io forse ero troppo "ragazza seria" quella con cui ti impegni seriamente o niente. Il fatto è che mi ha lasciato, ricordo ancora il vestito che indossavo, era rosa sfumato dal chiaro allo scuro,  (ho sempre odiato questo colore da quel momento in poi). Avevamo programmato una vacanza all'Isola d'Elba dove io sono andata con amici e lui non è venuto. Lui: "Prendiamoci una pausa, voglio divertirmi un po' non voglio una storia seria" Di solito queste pause sono definitive. Ma il destino la pensava…