mercoledì 25 aprile 2012

Twitter e i suoi abitanti


Provo a fare un'analisi della fauna di twitter dopo meno di 4 mesi di permanenza sul social.  
Anche se sono iscritta dal 2010 non ho infatti frequentato fino allinizio del 2012.
Vuole essere una cosa simpatica, vi prego di prenderla per tale e se vi riconoscete in uno di questi profili, vorrà dire che la mia analisi è stata azzeccata.
In questa ricerca ho scoperto che tante persone non inquadrabili. Sono quelli che, anche nella vita reale, fanno da contorno, non prendono mai posizione, non hanno vita propria ma sono satelliti. 
Infine vi ricordo che io non sono "la via, la verità e la vita" quindi la mia opinione non deve necessariamente essere condivisa. 
Ricordate: sorridi e la vita ti sorriderà.
  
Ecco le categorie che ho individuato:

Vip umani
I vip umani sono persone. Vere.  Si confrontano e a volte rispondono, cosa non facile, riconosciamolo, quando ti ritrovi con 300000 followers. Se poi contiamo che dei 300000 followers almeno 299000 chiedono le stesse cose, senza avere nulla di interessante da dire... capiamo la loro pazienza infinita.
Ma si capisce che stanno bene con i loro fans. Si capisce che sono persone normali, persone che non si sono montate la testa solo perché hanno avuto la possibilità e ovviamente la bravura per diventare famosi.
Alcuni proprio perché disponibili e umani hanno ovviamente un cuore quindi sono le prede preferite dai troll. Alcuni fuggono. Ma questa é unaltra storia che non racconterò qui.

Vip sul piedistallo
Sono i vip o presunti tali che non rispondono a nessuno. Interagiscono solo con una stretta cerchia di loro pari. E' come se fossero in una piazza ma si fossero raccolti dietro delle transenne per non  essere toccati. Non li approvo ma è affar loro, basta ignorarli.

Vip staff
Sono i famosi o presunti tali, che hanno lo staff che twitta per loro, fanno solo promozione. Usano twitter unicamente come mezzo pubblicitario. Bene, prendiamo atto e seguiamoli se vogliamo vedere le ultime foto, la promozione dellultimo disco, lultimo programma in TV.

Fanvip.
Sono su twitter solo per i vip, per poter dire: "io gli ho parlato" , "mi ha detto ciao", "mi ha ritwittato" di conseguenza entrano in grave fase depressiva quando i vip se ne vanno o non li hanno in nota.

Satirico-umoristi
La categoria che preferisco.  Alcuni di questi, i più seguiti, vengono definiti twitstar.
Quelli che ti fanno ridere, che ti mettono di buon umore anche quando ti gira storta, quelli che da qualunque fatto di cronaca riescono a trovare il lato comico o satirico... quelli che... solo per loro twitter ne vale la pena

Stanziali 
Sono esseri che stanno da sempre su twitter forse da quando i primi twitteranimali sono scesi dall'arca di Noè. Sono i primi che incontri quando arrivi e sei spaesato come pochi. Ti accolgono e ti accompagnano almeno per i primi giorni. Poi con qualcuno lidillio continua  e con qualcuno no. Ma sanno tutto di tutti.
Sono amiconi, portinai o giullari, ma guai se non ci fossero. I nuovi arrivati non capirebbero nulla.

Salutisti
Che non sono quelli che fanno una vita sana e palestra, ma sono quelli che non iniziano mai la giornata senza un buongiorno e non la finiscono mai senza una buona notte.
Mi sono unita spesso a loro, perché rende lidea dellincontrare gente e, soprattutto allinizio, non puoi fare a meno di socializzare così. Come si fa in una compagnia appena incontrata, ci si presenta e si commenta il tempo o lultima notizia del web.

Twittersex
Quelle o quelli che parlano solo di sesso, che la offrono a tutti o che lo sventolano a tutte.
Non credo che cerchino realmente qualcuno con cui accoppiarsi, probabilmente sono solo esibizionisti.

Chattisti
Quelli che scambiano twitter per una chat e intavolano lunghe conversazioni collettive dove perdi spesso il filo del discoro e che non interessano a nessuno. 
Aggregarsi a loro é il modo più semplice per conoscere gente altrimenti non ti si fila nessuno e hai crisi di identità  credendo di essere trasparente.
Spesso mi sono ritrovata in mezzo a queste persone, anchio ho chattato ma se vuoi farti amici, è lunico modo conosciuto. E vi assicuro che di amici e amiche ne ho trovati e me li tengo stretti.
I chattisti sono molto criticati dai puristi di Twitter, ma chi ritiene che twitter sia anche condivisione, ogni tanto ci sta. Limportante è non abusarne.

Incazzati 
Quelli che parlano male di tutto e di tutti e sono sempre incazzati. Questi non danno fastidio a nessuno, anzi fanno ridere, se sono così  nella vita, spero per loro che non abbiano un partner me lo auguro... per il partner intendo

Solitari
Solitamente scrivono bene e molto. È piacevole leggerli ma non interagiscono con nessuno. In pratica è come se parlassero da soli. Probabilmente sono su twitter per alzare la propria autostima, visto che sono seguiti da tanti follower. Non vedo altri motivi. 
Qualcuno è anche un pelo depresso. Per questi consiglierei un po’ di terapia fuori da twitter.

Cuorisolitari 
Sono su twitter esattamente come se si fossero iscritti ad una agenzia per la ricerca del partner perfetto
Vagliano, osservano, scelgono le prede migliori in base alla loro pic (che delusione se poi la pic non rispecchia la realtà!) cercano di farsi seguire e poi iniziano tempestanti messaggi in privato (DM) sperando di concludere qualcosa di reale e di ottenere un appuntamento.  Non so se poi alla fine qualcuno riesce a trovare lanima gemella.

Osservatori
Sono quelli che entrano in twitter e scrivono un tweet  o qualche messaggio di prova per vedere se twitter funziona. Poi si eclissano come se fossero dietro le quinte di uno spettacolo.
Questi amano solo guardare. Non scrivono niente ma leggono molto di vip e di altri e osservano, come se fossero alla televisione.
Non hanno followers ovviamente perché a parte i loro amici stretti nella vita, non li segue nessuno perché nessuno sa che esistono.
A questi direi: sforzatevi un po’, magari avete tante cose da dire, anche solo uno o due tweet al giorno e magari qualcuno vi trova interessanti.

Hashtagghisti
Che  per scrivere "oggi è una giornata piena di sole" usano almeno 5 Hashtag con un risultato delirante: #oggi è #una #giornata #piena di #sole.  E dopo una frase così il sole è già tramontato per sciopero.

Mi fermo prima che vi venga sonno anche se ci sono anche sottocategorie e altro ma diventerei solo noiosa.

Evito poi volutamente di parlare qui dei troll, dei persecutori, degli stalker che non sono inquadrabili in nessuna categoria e richiederebbero un discorso a parte.
Hanno solo bisogno di aiuto psichiatrico, ci sono anche nella vita ma qui protetti dall'anonimato toccano vette elevatissime di stupidita e paranoia. 

Infine sono certa che su twitter ci siano membri attivi della polizia postale che controllano tutti noi. Magari dietro una meravigliosa donna quasi nuda si nasconde un muscoloso, villoso o panciuto poliziotto ... e questo mi rende tranquilla. 

Io adoro molti dei membri di queste categorie perché  fra loro ci sono gli amici. Quelli che frequenteresti se li incontrassi anche dal vero e che anzi sei certa che un giorno incontrerai. 

Voi in quale categoria vi rispecchiate? Sono previste anche risposte multiple. :-)

Forse vi chiedete io cosa sono. Sono un ibrido, un embrione, tranne VIP, proprio vip non sono! Appena entrati nel fantastico mondo di Twitter, si fa un po' di tutto, ci si fa conoscere e poi, una volta individuate le potenzialità ci si crea un identità. Cosa diventerò non lo so. Ne riparliamo fra qualche mese. Limportante è non prendersi mai troppo sul serio. In fondo twitter è un mondo virtuale e la vita è unaltra cosa.

9 commenti:

  1. Uhm... Veediamo un po' ..in quanto Kangurina dovrei rispecchiarmi nella categoria "animali virtuali"..=) ma non c'e'... mi sento piu' una Kangutwitterina, nel senso che mi piace interagire ma anche monologare, non nego di aver usato degli hastag per divertimento..anzi.. e salutare le persone con cui interagisco.. leggere frasi divertenti e commentarle..o leggere frasi stupide e riflettere..comunque, al di la' di tutto Twitter per me che lavoro fino a sera tardi e' una piacevole compagnia..soprattutto se ci sono esseri umani come LADFI ZETA !! (la sviolinata ci stava tutta.. scusami Azzy ) con affetto!!! Kangu!! P:S. Sei forte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accetto di buon grado la tua "sviolinata perche so che è sincera! Con altrettanto affetto.

      Elimina
  2. Ciao Anto, sono di nuovo qui. E sono piuttosto d`accordo con la tua analisi. Io mi ritrovo almeno in tre, quattro categorie di quelle che hai descritto, in maniera alternata in base allo stato d`animo, a cio` che ho da dire, e al tempo a disposizione. Ne aggiungerei altre ancora di categorie. Come per la realtà`, e` cosi difficile `catalogare` (e direi per fortuna!). Ci sono persone, ad esempio, che scrivono, non quotidianamente, ma solo quando hanno una notizia da condividere che sia interessante: dalla foto, al link, al video, alla notizia dell`ultima ora. Con dei miei amici ne avevo parlato tempo fa, se questo fosse il giusto modo di intendere twitter. Quale e` il senso di questo social network? voglio dire, facciamo bene noi, a viverlo quotidianamente come una piazza, a salutarci, a parlare, oltre che a condividere pensieri e parole di interesse per un pubblico piu` ampio? Alcuni sostengono che twitter non e` un blog, non e` una chat e non ha senso ad esempio salutarsi o scambiarsi opinioni sul tempo. In parte credo abbiano ragione, davvero, ma solo nel momento in cui questo salutarsi o chiacchierare sia eccessivo e che vada ad intasare ad esempio la TL, o sia l`unico modo che conosciamo per essere li`. Credo che ognuno sia libero di fare cio` che vuole. Liberta` che ovviamente si ferma nel momento in cui va a ledere la liberta` altrui. La regola, come poi nella vita, che dovrebbe essere alla base e` il rispetto degli altri e il buon senso. Aggiungerei anche il buon gusto, perche` ad esempio anche la battuta di satira piu` brillante, se ne e` priva, perde tutta la sua genialità. Alla prossima e….grazie per il caffe`!
    Ale @alettareds

    RispondiElimina
  3. Condivido in pieno quello che dici Ale. Credo che il troppo sia troppo ovunque. Quindi con la giusta moderazione credo che tutti possiamo stare nella stessa piazza.
    Il bello è proprio quello, che siamo diversi. Grazie di aver fatto un giro nel mio salotto ed esserti presa un caffè con me! :-)

    RispondiElimina
  4. Bellissmo!| Anche se io sono qui da troppo poco tempo per dire a chi appartengo.Forse a nessuno o forse a tutti. Almeno ho imparato cosa sia una DM :-/ cosa che non ho mai usato, ne mi interessa.
    In base alla mia esperienza Twitter applica in blog quello che una volta era MIRC, con i canali e la chat per antonomasia. E quello che viene considerato "popolo di Twitter" (espressione che non mi piace) è differente da quello di Facebook.
    Vorrei usare Twitter come gli altri social network, ovvero come mezzo di comunicazione e basta. Non come ripiego alla vita, come vita parallela o altro.
    L'unica cosa che sento mia è il mio diario, che è piccolo, ma che è mio, è unico, nel mio essere nessuno :-)
    ciao ciao

    RispondiElimina
  5. A me piace, anche io su twitter da qualche anno, ma da solo un mese o più l'ho scoperto davvero. Non seguo i VIP, li ritengo persone come me che fanno un lavoro diverso dal mio, o almeno se seguo qualche vip è solo perchè mi piace quello che posta. :)
    Anche io sono nella categoria "animali Virtuali", mi piace "cazzeggiare" ed ho lasciato FB perché è pieno di falsi filosofi e di ipocrite ideologie. Bello questo post, se me lo permetti, l'inserirei nel mio blog, facendo riferimento al tuo ovviamente. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere se i tuoi lettori leggeranno il mio commento. :-)

      Elimina
  6. mmm io sono un'osservatrice, senza amici stretti su tweetter!! anzi spero non ci giungano mai, giusto per la possibilità di riuscire a staccare l'ancora senza che nessuno di loro lo sappia!! xP

    RispondiElimina
  7. Spero di essere un satirico-umorista! :D E sono un chattista...un gran chiaccherone! (Spero di riuscire a commentare...) Ciao!

    RispondiElimina