venerdì 11 maggio 2012

TITAN PAUL






Ho "incontrato" Paolo,  questo coraggioso ragazzo, attraverso i racconti di suo padre su facebook. 
Ho letto il libro "Vado a farmi la chemio e torno", che Paolo ha scritto durante il suo calvario e vi invito a leggerlo, ma soprattutto a farlo leggere ai vostri figli o nipoti adolescenti ed in crisi se non possono avere l'Iphone o le scarpe nuove, affinché ne traggano un benefico insegnamento. 
Una roccia il Titan Paul,  così come viene chiamato a causa del suo ginocchio "bionico" che gli è stato impiantato a causa di un Osteosarcoma, un tumore molto invasivo alle ossa. Credetemi non è una lettura desolante, la forza e il coraggio di questo ragazzo e della sua famiglia vi stupirà. Nonostante abbia dovuto rinunciare a giocare a basket in seguito alla sua malattia, non si è dato per vinto ed è entrato a far parte della squadra di Basket in carrozzina perché il suo ginocchio bionico gli permette di camminare ma non di correre ovviamente, ed è diventato un "azzurro" 
Non posso dimenticare il giorno in cui suo padre Piercarlo invitò via Facebook tutti a partecipare al compleanno del Titan che era ricoverato in ospedale. Dovette affrettarsi a cancellare l'invito e a fermare tutti quant perché centinaia di persone stavano aderendo e sarebbe stata una tragedia per l'organizzazione Ospedaliera. Gli vogliono tutti tanto bene!! 
Insomma avete tante cose da leggere di lui. Non perdetevi questa occasione e seguite:
Ogni volta che Paolo fa un controllo noi stiamo tutti con le dita incrociate! Per fortuna anche l'ultimo follow up è passato con responso favorevole. 
Vai così,  Titan,  noi siamo con te. 

6 commenti:

  1. È tutto vero ... il Titan è una roccia, ed io che sono il papà ve lo posso confermare.
    Sono passati molti giorni da quel 30 luglio 2008 , abbiamo perso molti amici, ma li abbiamo tutti nel cuore. Sono i nostri angeli e ci proteggono da lassú.
    Malgrado quest esperienza abbiamo imparatl che la vita è bella e che da una cosa brutta si puó trovare qualche cosa di positivo.
    Non è sempre facile ma con un pizzico di fntasia ce la si puó fare.
    È vero ... quando pensavamo che il Titan non avrebbe piú tirato a canestro calpestando un parquet ... beh ci sbagliavamo proprio.
    Li c'era la soluzione e non la trovavamo.
    Un pizzico di fortuna e ci ha trovato Briantea84.
    Una societá che ha fatto e fa sognare molti ragazzi con disabilitá.
    Ora il Titan è tornato a fare "ciuff" in un canestro.
    È un potenziale atleta Nazionale under22 e potrebbe giocarsi un europeo in inghilterra tra qualche mese.
    Se non avete mai visto una partita di basket in carrozzina vi consiglio di non perdervi l'appuntamento del 3 giugno a Seveso (palafamila
    ... tutti lo conoscono) dove si disputerá la finale del campionato italiano giovanile.

    Non è presunzione ma il libro è veramente carino, si legge in un fiato, e tramette certamente dei messaggi positivi.

    Grazie Antonia ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un'onore per me ospitare nel mio neonato blog il papà del Titan in persona. Una grande emozione. Vi invito ad andare a vedere la partita che ci suggerisce Piercarlo e chissà che forse io stessa riesca finalmente a vedere Paolo giocare. Continuerò a pregare i vostri angeli. Un abbraccio affettuoso.

      Elimina
    2. Piercarlo si è accorto che avendo risposto con il cellulare, come tutti voi sapete, alcune lettere si perdono via, senza contare i correttori automatici delle parole. Ora io credo che questa cosa non sia per niente grave, io non posso modificare il suo messaggio. Se vuoi rimandarlo lo pubblicherò, ma credo che i lettori si faranno una ragione di qualche erroruccio qui e là.
      Sai cosa facciamo? Tu scrivi un pezzo sul Titan e io te lo pubblico, così tutti sapranno che scrivi benissimo, come io sono abituata a leggerti.
      E poi parliamoci chiaro, chi se ne frega di una parolina scritta male, l'importante è altro!!! :-)

      Elimina
  2. Grazie ancora per queste belle parole. Mi riempie sempre il cuore sapere che la mia storia, possa aiutare persone "normali", persone che hanno avuto o che stanno combattendo come ho fatto io contro il BASTARDO. È veramente emozionante tutto ció.

    Grazie ancora di tutto

    Titan Paul (always smyle) :D

    RispondiElimina
  3. Ecco il Titan in persona!. Grazie di aver scritto un tuo contributo sul mio blog.
    Sai che tante persone ti vogliono bene, io sono una di quelle.
    Il tuo coraggio e la tua determinazione devono essere di sprone e di esempio per tutti coloro che si trovano ad affrontare qualcosa di così grande. Il modo in cui hai combattuto "la bestia" è esemplare.
    Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  4. Lieta di ospitare anche nel mio blog la storia di un ragazzo straordinario, coraggioso e solare... che sia d'esempio a tutti coloro che a volte perdono speranza e coraggio! Un bacio

    RispondiElimina