venerdì 29 giugno 2012

Sogni



Mi assale il cuore
l’opaco cielo dell’alba,
l’ombra si allarga
ed è roccia, albero
oppure sangue…
urto con la luce del tempo
impareggiabile amore,
ed entro in case silenziose
dove anche i morti
stanno con gli occhi aperti.
Odo l’ultimo lamento
degli animali
e l’odore del legno…
povera cosa caduta
che la terra raccoglie.
Urto con la luce del tempo
impareggiabile amore
ma le voci…
non furono altro …che sogni.

(avevo 17 anni)

Nessun commento:

Posta un commento