giovedì 25 ottobre 2012

Solitudine

(Propongo un'altra delle poesie che ho scritto tanti anni fa. Solo per dimostrare che la malinconia può essere scacciata e si può cambiare diventando persone solari)





Una lacrima scende sul mio viso
lenta, come rugiada
ma a chi importa?
sono sola in questo buio che mi avvolge
"come sono verdi i tuoi occhi..."
un gesto, uno sguardo
ma a chi importa?
nessuno può leggere i miei pensieri
e la malinconia che mi avvolge
è come un mantello troppo pesante
anche in questa sera d'inverno
" come sono dolci i tui occhi..."
e vorrei gridare
ma a chi importa?
si ripete ancora una volta,
il disegno sottile
che traccia la mia vita
come una lama che ferisce
ma non porta alla morte
" come vorrei stringere le tue mani..."
e mi manca il sorriso di un bimbo
e la spalla forte a cui appoggiarmi e avvolgermi,
ma a chi importa?
una madre vera, un amore sicuro,
un sogno non infranto.
" come vorrei stringere le tue mani..."
il tempo scorre ma tu...
fermati un momento
a raccogliere questo dolore,
guardami negli occhi,
tienimi le mani,
offrimi un bacio
anche senza sapere
cosa questa donna ferita potrebbe offrirti,
cosa questa donna delusa
vorrebbe darti
...ma a chi importa?

Nessun commento:

Posta un commento