domenica 28 aprile 2013

Piange con me il cielo



Porto le mani al petto
per non lasciar sfuggire
una sensazione meravigliosa che ritorna.
Cerco invano il tuo volto,
l’eco della tua voce nel vento,
o lo scoppio improvviso di una tua risata.
I miei pensieri si perdono all’orizzonte
e mi sembra che nella solitudine
il ricordo appaia più lieve
meno doloroso.
Note di una musica indimenticata
mi riportano il tempo di brevi giorni passati
mi basta socchiudere gli occhi
per rivedere
il tuo viso giovane e ridente
nell’aria tersa e luminosa,
per rivivere un sogno
ormai lontano.
Grazie dei giorni che mi hai regalato
limpidi come la gioia che ho vissuto.
Il silenzio intorno
lascia eterno e intatto il ricordo
è un silenzio colmo di parole inespresse
...vivo...
Sento la pioggia leggera sulla pelle,
mi avvio verso casa col viso bagnato
fino alle labbra
...piange con me il cielo...
addio impossibile amore...addio.


Nessun commento:

Posta un commento